Luglio 28, 2021

L’intelligenza dei cani

Hai mai pensato come sarebbe se il tuo cane potesse davvero capirti?

Alcune volte sembra che ti capiscano veramente quando dici di amarli o li rimproveri per aver mangiato qualcosa che non dovevano e ti guardano con quegli occhioni dolci.
Ebbene, sappi che è davvero così: i cani capiscono quello che dici.

Alcuni scienziati ungheresi hanno pubblicato uno studio su Science nel 2016 che ha dimostrato che non si può ingannare un cane con le parole.

L’esperimento

Per il loro esperimento questi scienziati hanno inserito 13 cani in una macchina per la risonanza magnetica che registrava la loro attività cerebrale.
Mentre i cani erano all’interno della macchina gli venivano pronunciate da un addestratore di loro conoscenza diverse parole che i proprietari usavano solitamente: “come è bravo”, “grande” e “ben fatto” e parole neutrali come “vabbè” e “si dai”.
L’addestratore diceva queste parole con intonazioni positive e neutrali.

Le immagini dell’attività cerebrale hanno mostrato che i cani elaboravano le parole familiari usando il lato sinistro del cervello, indipendentemente dal tono di voce utilizzato, mentre le emozioni dietro le parole sono registrate nella parte destra del cervello come avviene anche nel cervello umano.

Inoltre anche quando venivano dette le parole con intonazione neutrale c’era comunque un’attività forte nel cervello dei cani. Ciò significa che i cani associavano il significato di quelle parole a un’esperienza positiva.
Ecco perché le parole neutrali che venivano dette con un tono allegro non ottenevano la stessa risposta.

Cosa significa tutto questo per i proprietari di cani?

Questo significa che, anche se annunci con un tono allegro e con un sorriso sul viso che il tuo cane deve andare dal veterinario, il tuo amico a quattro zampe non penserà che sta andando a Disneyland e dovrai comunque rincorrerlo per tutta casa per cercare di metterlo in macchina.

Alcuni scienziati statunitensi hanno deciso di esplorare ulteriormente il modo in cui i cani percepiscono il linguaggio umano effettuando un esperimento che è stato pubblicato l’anno scorso sulla rivista Frontiers in neuroscience.

Hanno preso 12 cani e chiesto ai proprietari di fare un addestramento specifico di una durata che andava dai due a sei mesi. Questa formazione si basava su insegnare ai cani come distinguere due diversi giocattoli con i rispettivi nomi.

Dopo il periodo di addestramento, i cani hanno dimostrato che potevano scegliere tra i due oggetti scegliendo e recuperando quello giusto quando richiesto dal proprietario del cagnolino.
Ciò provava che i cani possedevano una comprensione di base delle parole e che potevano associarle a degli oggetti. Ma gli scienziati volevano vedere come avrebbero reagito a nuove parole e oggetti così hanno messo i cani all’interno della macchina per la risonanza magnetica mentre i proprietari rimanevano in piedi davanti al macchinario. I cani sentivano entrambe le parole per cui erano stati addestrati e altri inventate al momento. Ad esempio il proprietario diceva la parola maialino più volte e poi mostrava il giocattolo corrispondente, quindi il proprietario usava una parola inventata come bobbu o bodmik e presentava nuovi oggetti a caso, come un cappello o una bambola.

Dopo aver confrontato le risposte dei cani a tali test, i ricercatori hanno concluso che esiste una regione speciale nel cervello di un cane che svolge la funzione di elaborare le differenze di vocabolario.
Il che significa che anche se non riescono a cogliere appieno il significato preciso delle parole, i discorsi che gli facciamo non sono privi di senso.

I cani sanno contare

Non solo la capacità di comprendere il linguaggio umano rende i cani vicino agli umani. Proprio come noi sono in grado di fare calcoli matematici.
Uno studio del 2002 pubblicato su Animal cognition dimostra che i cani possono contare in piccole quantità.
Nello studio i ricercatori hanno mostrato a un cane un singolo premietto in una ciotola poi hanno fatto finta di far cadere un altro premietto oppure lo facevano per davvero.
Dopo al cane veniva mostrata di nuovo la ciotola e se i conti non tornavano perché dovevano esserci almeno due premi, il cane rimaneva lì a fissare la ciotola a lungo. La stessa cosa succedeva quando i ricercatori aggiungevano alla ciotola un premio in più non conteggiato. Il cane rimaneva confuso perché vedeva tre ricompense invece di due.

I cani possono innamorarsi

I cani possono innamorarsi delle persone. Secondo un professore di comportamento animale, il dottor Mark Mekoff, i cani sono perfettamente in grado di stabilire impegni a lungo termine l’uno con l’altro.
I cani innamorati non amano essere separati dal loro partner e sono felicissimi quando si riuniscono.

Il dottor Mekoff afferma che la maggior parte dei cani preferisce una relazione monogama per crescere insieme i cuccioli. Inoltre i nostri amici pelosi sperimentano anche un aumento dei livelli di ossitocina quando si uniscono con i partner. L’ossitocina, nota anche come ormone delle coccole, è lo stesso ormone che i nostri corpi rilasciano quando costruiamo relazioni con gli altri.

L’amore può anche significare dolore e, come osserva il dottor Mekoff, i cani possono essere respinti proprio come gli umani. Quando succede reagiscono alla rottura sentendosi tristi e soli.

I cani provano emozioni profonde

I cani hanno anche la capacità di provare emozioni profonde.
Molto spesso sembra riescano a capire il tuo stato d’animo e sanno quando hai bisogno di conforto.

Uno studio del 2016 condotto da un team di ricercatori dell’Università di Lincoln e dell’Università di San Paolo dimostra proprio questo.

I ricercatori hanno reclutato 17 cani e hanno mostrato loro foto e clip audio  di uomini e cani che trasmettono diverse combinazioni di espressioni emotive positive e negative.

I cani hanno guardato le immagini e ascoltato i campioni audio allo stesso tempo. Tutto questo senza alcun tipo di addestramento.
Il team ha notato che i cani si sono concentrati più a lungo sulle espressioni facciali quando hanno abbinato ad esse lo stato emotivo espresso nella clip audio, questo sia per le persone che per i cani.
Questo studio rivela che i cani possono combinare diverse informazioni sensoriali per creare un’immagine coerente delle emozioni di cui sono testimoni.
Ecco perché sono così sensibili e sanno quando hai bisogno di qualche coccola.

Ai cani piacciono i video

Come tutti sappiamo i cani sono dei grandi compagni, se stai guardando la Tv o un video su internet molto probabilmente il tuo amico farà attenzione allo schermo. Tuttavia la maggior parte delle volte guardano la TV ma senza concentrarsi su di essa come facciamo noi.

Una ricerca condotta all’Università del Central Lancashire rivela che i cani preferiscono determinate immagini e video ad altri.
Non c’è da sorprendersi se a loro piace guardare altri cani.
C’è anche uno speciale canale TV creato appositamente per i nostri amici a quattro zampe.
Poiché i cani vedono il colore con solo due spettri di luce, blu e giallo, questo canale cerca di non trasmettere il verde o il rosso.

Registrano i programmi dalla stessa angolazione e altezza in cui i nostri amici pelosi vedono il mondo. Ci sono cani che si rincorrono, viaggiano in macchina con i loro proprietari, fanno un pisolino e assistono alle visite del postino.

I creatori del canale affermano che i loro spettacoli intrattengono i cani quando vengono lasciati soli e li aiutano a superare l’ansia da separazione.

Comunque i cani non sono gli unici animali da compagnia, c’è chi sceglie come animali domestici creature poco comuni.